Secondario

ipotesi di paesaggio, paesaggio secondario, paesaggio industriale, Valencia, Spagna, ©Luca Rotondo

Di rimando si giunge a definire i paesaggi secondari attraverso i segni che nel quotidiano suggeriscono la presenza di strutture produttive o funzionali alla produttività. A partire da un piccolo, quasi invisibile, sistema di tubature, fino ad un monolitico serbatoio di stoccaggio del greggio, si deducono i valori economici derivanti dai segni posti nel paesaggio. Il “secondario” è paesaggio economico, produttivo, industriale: fagocitante un approvvigionamento energetico e materico.